Petra Feriancova

Petra Feriancova è un'artista, scrittrice e curatrice contemporanea slovacca, nata a Bratislava, ex Cecoslovacchia, nel 1977. Il momento chiave del suo lavoro è la concettualizzazione delle sue reazioni emotive relativamente ai processi di percezione e memoria, nonché un esame delle circostanze in cui sono condivise. Lavora principalmente con immagini già esistenti, testi che interpreta e interscambia metodicamente. Lo scopo principale di questa forma di manipolazione, con un riferimento pittorico o discorsivo, è di fornire allo spettatore una reazione affettiva originale. Ogni nuova realizzazione tende ad una sorta di connessione implicita tra l'universo dell'esperienza personale unica e i processi impersonali dell'individualizzazione, che è condizionata dalla civiltà, dalla storia e dalla cultura. Forme, immagini e vestigia del passato fugace (archivi di famiglia, repertori di generi storici, simboli e discorsi) sono accolti nella piena consapevolezza che il loro significato originario si è da tempo degradato o disintegrato, proliferando quelle aree di indeterminatezza che richiedono - anche se provvisoriamente, a forza di improvvisare - di essere modificate e riempite di nuovi significati. Solo allora, anche a costo dell'alienazione e della distorsione del significato "originale", si può accettare la propria versione del mondo e, così facendo, contemporaneamente aprirlo agli altri. Il processo di socializzazione o strumentalizzazione dell'interiorizzazione soggettiva e, al tempo stesso, puramente personale dei contenuti esterni - il processo di alienazione reciproca come condizione per attribuire e rinnovare il significato - è essenzialmente presente come tema in ogni opera di Petra Feriancova sotto forma di piccole epifanie, barlumi di comprensione e rivelazioni che non possono essere trasposte con una semplice spiegazione.

Nel 2013, il suo progetto “Still the same place”, è stato selezionato per rappresentare il padiglione ceco e slovacco (insieme a Zbyněk Baladrán) ai Giardini della 55esima Biennale di Venezia (a cura di Marek Pokorný). Le sue recenti mostre personali includono: “Petra Feriancova: “Systems, Individuals and Measuring Tools” presso Bòlit Centre d'Art Contemporani Girona, Spagna (2016); “An Exhibition on Doubt”, MAN_Museo d'Arte Provincia di Nuoro, Italia (2016); “Vulnerable Yet Everlasting” (Archivio di Květa Fulierová), Off Biennale, Budapest, Ungheria (2015); “Things That Happen and Things That are Done. On Beginnings and Matter”, Fondazione Morra Greco Napoli, Italia (2014);” Birds, myths and tusks, Frames”, Frieze London, Londra, Inghilterra (2013); “The Intrigues of the Gods are Behind everything” Vojtech Loffler's Museum, Košice, Slovacchia (2013); “A Study of the Secondary Plan “, The House of Arts, Brno, Repubblica Ceca (2012); Weikendorf, Kunstraum Weikendorf, Weikendorf, Publicart, Austria (2012); “Postscriptum to Childe Harold's Pilgrimage”, Slovak National Gallery, Bratislava, Slovacchia (2011); “Theory of a city or the possibilities of an A4” International Studio & Curatorial Program ISCP, New York, Stati Uniti (2011). La selezione di mostre collettive recenti include: “Mushrooms on the Ruins”, Nogueras Blanchard, Madrid, Spagna (2017); “Július Koller Symposium”, MUMOK, Vienna, Austria (2017); “Playgrounds,”Garage Museum, Mosca, Russia (2016); “Sitting Together”, Tranzit.sk, Bratislava, Slovacchia (2016); The Infinite Lawn, Tenderpixel, Londra, Inghilterra (2015); “The Soft Codes. Conceptual Tendencies in Slovak art”. Contemporary Museum, Wroclaw, Polonia (2015); “Fragile Sense of Hope”, ACT Art Collection, Me-Collectors Room, Berlino, Germania (2014); Fieldwork, Habitat in Contemporary Art, Lewis Glucksman Gallery, Cork, Irlanda (2014); “Object and Environment”, Galerie Guido Baudach,, Berlino, Germania (2014); Empty Pedestal, Fantasmi del'Est Europa, Museo Civico Archeologico, Bologna, Italia (2014)
Tra le altre, le opere di Petra Feriancova fanno parte delle seguenti collezioni pubbliche e private: Deutsche Bank, Deutsche Telekom, AGI Verona, Fondazione Morra Greco.

OPERE